L’incompatibilità UE dell’estensione del regime IVA del margine alle spese non addebitate dai “fornitori” – L’articolo dell’Avv. Gabriele Escalar

by Comunicazione in Diritto Tributario, Rassegna Stampa

Sul n. 4 del Corriere Tributario 2021 è stata pubblicata l’analisi dell’Avv. Gabriele Escalar, partner dello studio Escalar Associati, che collabora con Polis, che – dopo aver brevemente esaminato la disciplina del regime del margine IVA per i beni mobili usati e gli oggetti di arte, d’antiquariato o da collezione -, sostiene l’incompatibilità con l’art. 112 e ss. della Direttiva IVA l’inclusione nel predetto regime, per i beni acquisiti in proprietà, delle spese di manutenzione e di riparazione addebitate ai rivenditori da soggetti diversi dai “fornitori”, nonché per i beni acquisiti mediante il subentro nella posizione di utilizzatore di contratti di locazione finanziaria, oltre che delle predette spese, anche dei canoni e del prezzo di riscatto addebitati ai “rivenditori” dalla società concedente.

La pubblicazione è disponibile a questo link

L’incompatibilità UE dell’estensione del regime IVA del margine alle spese non addebitate dai “fornitori”

Tags: ,

Comments are closed.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Informativa sui cookie
Ok